impresa e apprendistato
 
News

Apprendistato: cambiamenti in vista

Oggetto di probabile modifica saranno due elementi dell’apprendistato: la formazione e il vincolo alle assunzioni introdotto dalla Legge Fornero

20/06/2013

di Milena Romano

 

A distanza di un anno dall’entrata in vigore a tutti gli effetti del Testo Unico sull’apprendistato (D.Lgs. 167/2011) e dopo le successive modifiche apportate dalla legge Fornero, ci ritroviamo nuovamente nella possibilità di cambiamenti e interventi sulla legge.

Il Ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, ha infatti preannunciato un intervento di “manutenzione” della Legge Fornero mediante un decreto legge che vada a semplificare l’apprendistato e il contratto a termine.

 

Oggetto di probabile modifica saranno due elementi dell’apprendistato: la formazione e il vincolo alle assunzioni introdotto dalla Legge Fornero.

Infatti, ad oggi il datore di lavoro è obbligato a stabilizzare il 50% degli apprendisti (il 30% fino al 18 luglio del 2015) e, secondo il ministro del Lavoro, è un vincolo deterrente per le nuove assunzioni in apprendistato.  

 

Per quanto riguarda la formazione, il ministero vuole mantenere l’obiettivo formativo dell’apprendistato, ma è necessario un confronto con i problemi dovuti alla disomogeneità dei percorsi formativi tracciati a livello regionale e alla non sempre chiarezza del quantitativo obbligatorio di ore formative da effettuare. 

 

Inoltre, il ministero si concentrerà particolarmente sul piano giovani, con l’obiettivo di ridurre la disoccupazione dell’otto per cento prevedendo anche una spesa tra i 10 e 12 miliardi di euro. 

Tuttavia, per qualsiasi intervento che implica una forte spesa, bisognerà attendere il Consiglio europeo del 28 e 29 giugno dove si discuterà della proposta del governo italiano di escludere dai parametri del patto di stabilità gli investimenti destinati a creare lavoro.

 

In caso di dubbi non esitare a contattarci: http://www.form-app.it/sedi.html 

« tutte le news