impresa e apprendistato
 
News

Semplificazioni apprendistato, ridotti gli oneri burocratici.

Il processo di “sburocratizzazione” dell’apprendistato ha fatto ulteriori passi in avanti con l’entrata in vigore delle tre semplificazioni introdotte dal decreto lavoro.

07/10/2013

Le semplificazioni sono: obbligo del piano formativo esclusivamente per le competenze professionalizzanti; registrazione della formazione e della qualifica professionale da effettuare in un documento avente i contenuti minimi del libretto formativo del cittadino; possibilità, in caso di imprese multilocalizzate, di erogare la formazione nel rispetto della disciplina dove l’impresa ha la sede legale.

Dopo la  stipula per iscritto del contratto, quindi, il datore di lavoro deve effettuare entro cinque giorni la comunicazione telematica dell’avvenuta assunzione, (come avviene per tutti gli altri contratti). Peculiarità del contratto di apprendistato rimane l’obbligo di redigere il piano formativo individuale. Il Testo Unico del 2011 e, successivamente il decreto 76/2013 hanno semplificato la redazione di questo documento, individuando nei rispettivi contratti nazionali il punto di riferimento a cui il datore di lavoro si deve affidare per quanto riguarda i contenuti formativi.

Secondo il Centro Studi di Confindustria, che ha effettuato un’analisi del mercato del lavoro (relativa al 2012), la diffusione  del contratto di apprendistato è aumentata: lo hanno utilizzato il 21,3% delle imprese (rispetto al 18,4 del 2011) e il 29,6% delle grandi aziende (24,2% nel 2011). A fine 2012 gli apprendisti risultavano essere l’1,4% dei lavoratori dipendenti.

 

« tutte le news