impresa e apprendistato
 
News

Rilanciare l’apprendistato, l’opinione delle imprese sul decreto scuola.

Via libera al decreto presentato dal ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza.

09/10/2013

Uno dei provvedimenti presi è quello di potenziare l’orientamento scolastico a partire già dal quarto anno delle superiori, coinvolgendo le camere di commercio e le agenzie per il lavoro. Per il mondo delle imprese, però, si può e si deve fare di più per raggiungere un’alternanza scuola-lavoro che sia veramente efficace. Secondo Ivan Lo Bello, vicepresidente di Confindustria per l’Education, intervenuto in audizione davanti alla commissione Cultura della Camera, occorre coinvolgere nei progetti di orientamento per gli studenti anche i rappresentanti delle imprese, perché  «riconoscere l’impegno delle aziende per l’orientamento è un segnale di attenzione al Paese reale». Lo Bello, pur apprezzando gli investimenti sulla scuola previsti nel decreto (circa 475 milioni), riconosce che occorre fare di più. Puntando, magari, sul sistema duale tedesco:  apprendistato che permetta agli studenti degli istituti tecnici e professionali di frequentare a giorni alterni la scuola e un’azienda dove formarsi in modo pratico. Per far questo, però, occorre snellire la burocrazia per rendere l’incontro fra scuole e imprese più agevole. Inoltre, occorre superare il pregiudizio che considera gli istituti tecnici e professionali scuole di “serie B”: bisogna invece ripristinare un piano di rilancio dell’istruzione tecnica e professionale, luogo dove  si possono formare grandi eccellenze del nostro artigianato.

« tutte le news