impresa e apprendistato
 
News

Esonero contributivo per i contratti a tempo indeterminato

05/01/2015

 Dal 1/01/2015 con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Legge n. 190 del 23 dicembre 2014, (c.d. Legge di Stabilità 2015) diviene operativo il nuovo esonero contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato.

La legge ha ovviamente l’obiettivo di incentivare le assunzioni con questa tipologia di contratto.

Ecco alcuni punti principali:

1) L’esonero è applicabile solo ai datori di lavoro privati;

2) Riguarda le nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminatodecorrenti dal 1° gennaio al 31 dicembre 2015;

3) L’esonero riguarda solo i contributi previdenziali, pertanto non riguarda i premi e contributi dovuti all’Inail;

4) L’esonero spetta anche ai datori di lavoro agricoli, con esclusione dei lavoratori che nell’anno 2014 siano risultati occupati a tempo indeterminato e relativamente ai lavoratori occupati a tempo determinato che risultino iscritti negli elenchi nominativi per un numero di giornate di lavoro non inferiore a 250 con riferimento all’anno solare 2014. L’incentivo è riconosciuto dall’Inps in base all’ordine cronologico di presentazione delle domande e, nel caso di insufficienza delle risorse, valutata anche su base pluriennale con riferimento alla durata dell’incentivo, l’Istituto previdenziale non prende in considerazione ulteriori domande, fornendo immediata comunicazione anche attraverso il proprio sito internet. Per il settore agricolo sono stati stanziati 2 milioni di euro per il 2015;

5) Sono esclusi i contratti di apprendistato ed i contratti di lavoro domestico;

6) L’esonero previsto è pari a un importo massimo annuale di 8.060 euro valido per 36 mesi;

7) L’esonero non spetta ai lavoratori che nei 6 mesi precedenti siano risultati occupati a tempo indeterminato presso qualsiasi datore di lavoro;

8) L’esonero non spetta ai lavoratori per i quali il beneficio sia già stato usufruito in relazione ad una precedente assunzione a tempo indeterminato;

9) L’esonero non è cumulabile con altri esoneri o riduzioni delle aliquote di finanziamento previsti dalla normativa vigente;

10) L’esonero non spetta nel caso in cui il datore di lavoro intenda assumere a tempo indeterminato un lavoratore che abbia avuto con l’azienda un precedente rapporto di lavoro a tempo indeterminato nei 3 mesi prima dell’entrata in vigore della legge di Stabilità (si conteggiano anche le società controllate o collegate).


« tutte le news