• 20 MARZO 2019
  • |
  • Approfondimenti Tecnici

Massi risponde: "Le agevolazioni per le assunzioni: quali scelte per il datore di lavoro?"

Ecco riportate alcune delle domande fatte da voi al Dott. Massi durante il webinar del 18 marzo:


DOMANDA:

In merito alla possibilità di fruire degli incentivi in caso di assunzioni a tempo indeterminato under 35, volevo sapere, se in caso di licenziamento per giusta causa effettuato nei 6 mesi precedenti l'assunzione, è possibile comunque beneficiare dell'incentivo oppure no, visto che comunque trattasi di licenziamento.

RISPOSTA:

La Risposta è positiva. Il Legislatore all’interno dei Commi 100 e seguenti dell’articolo 1 della legge 02/05/ 2017 ha fatto riferimento ai licenziamenti per giustificato motivo oggettivo ed ai licenziamenti collettivi per riduzione di personale. Quindi la giusta causa ne resta fuori. 


DOMANDA:

Vorrei sapere se, oltre alle assunzioni, anche le trasformazioni di contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato di giovani under 35 danno diritto all'esonero contributivo.

RISPOSTA:

Se si tratta di un giovane fino a 30 anni la risposta è affermativa. Per quanto riguarda il 2019 e il 2020 si è in attesa del Decreto del Ministro Di Maio che doveva uscire entro l’11 ottobre ma ad oggi non è ancora stato emanato.

 

DOMANDA:

In riferimento all’apprendistato professionalizzante stagionale previsto dal c.c.n.l. del Turismo, con il fine di quantificare correttamente il costo dell’assunzione, chiedo il Suo parere riguardo all’applicazione del cosiddetto Ticket licenziamento.Pur essendo l’apprendistato stagionale un contratto a termine, l’interpretazione di Federalberghi esclude l’applicazione del contributo addizionale dell’1,40% , pertanto, maturando in capo al dipendente il diritto alla NASPI, tale tipo di cessazione, è soggetta o no a Ticket licenziamento? Il dubbio sorge in quanto, essendo il suddetto ticket, prerogativa dei contratti a tempo indeterminato, ed il contributo aggiuntivo dell’1,40% previsto solo per i contratti a termine, nel caso specifico mi troverei a non dover versare né l’uno né l’altro.

RISPOSTA:

Il ticket previsto dal comma 31 dell’articolo 2 della legge 92/2012 fa riferimento ai licenziamenti per i rapporti a tempo indeterminato. L’apprendistato è un contratto a tempo indeterminato, però, la norma prevede anche la possibilità dell’apprendistato a tempo determinato. Se ci troviamo di fronte ad un apprendistato a tempo determinato il ticket non va pagato. Per quanto riguarda l’1,40 %  questo non è dovuto in tutte quelle ipotesi di contratto stagionale previste D.P.R. 7 ottobre 1963, n. 1525, mentre è dovuto in tutte quelle ipotesi previste dalla contrattazione collettiva nazionale. 


DOMANDA

L’incentivo di euro 3000 per 3 anni per apprendisti che non hanno mai avuto contratti a tempo indeterminato è in regime ‘de minimis’?


RISPOSTA:

L’incentivo dei 3000 euro per 3 anni riguarda le assunzioni a tempo indeterminato e non riguarda le assunzioni di apprendisti. L’incentivo dei 3000 euro spetta anche agli apprendisti ma soltanto per 12 mesi a partire dal 13esimo mese successivo al consolidamento del rapporto di apprendistato. Questo purché la fase formativa dell’apprendistato si sia conclusa prima dei 30 anni di età. Nella sostanza, l’apprendistato di per sé ha la sua agevolazione che è quella "ordinaria". Alla fine del periodo formativo il rapporto viene consolidato e nell’anno successivo si ha un’agevolazione contributiva del 10%. Quella prevista dagli incentivi strutturali scatta per 12 mesi dal 13esimo al 24esimo mese successivo al consolidamento del rapporto. L’incentivo dei 3000 euro è soltanto quindi per un anno, a condizione che l’apprendista sia stato qualificato prima dei 3 anni.       


DOMANDA

Un apprendista attualmente in forza presso uno studio commercialista può (trasformando il rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale) essere assunto con la medesima qualifica di apprendista contemporaneamente presso una azienda e completare il periodo di apprendistato presso i due datori di lavoro (ad esempio al mattino presso lo studio e al pomeriggio presso l'azienda)?

RISPOSTA:

Se ipotizziamo 40 h settimanali si avrebbero due rapporti distinti da 20h di apprendistato. Bisogna valutare se la contrattazione collettiva applicata in queste aziende prevede un minimum per le ore di apprendistato, se non lo prevede 20h e 20h possono essere fatte. Tuttavia ogni datore di lavoro è tenuto a fare l’intera formazione prevista dal piano formativo


DOMANDA

Buongiorno, per il 2019 il limite di età non è rimasto 35, anzichè 30 anni?

RISPOSTA:

L’articolo 1 bis ha elevato il limite d'età a 35 anni, ma il decreto attuativo per le modalità di fruizione che doveva essere emanato dal Ministro del Lavoro entro l’11 ottobre non è ancora uscito, quindi il limite è 35 anni anche per il 2020. Non essendo stato ancora emanato il decreto, per chi assume un lavoratore che ad esempio ha 33 anni ma non ha mai lavorato deve essere pagata la contribuzione piena, salvo rivalersi in un momento successivo quando uscirà il decreto.  


DOMANDA

Dott. Massi potrebbe parlare dell’allegato De Minimis previsto dall’Inps per l’agevolazione apprendistato?

RISPOSTA:

Se si riferisce all’apprendistato il de minimis non è richiesto. Era stato richiesto per le assunzioni effettuate dalle imprese fino a 9 dipendenti nel periodo del 2012 e fino al 31/12/2016. Ma per l’apprendistato non è richiesto. Il "de minimis" viene fuori dalla documentazione comunitaria e prevede che in 3 anni di esercizi finanziari delle imprese o di gruppi di imprese non si possano superare i 200.000 euro di AIUTO DI STATO. Altri limiti riguardano settori specifici: agricoltura, pesca, trasporti ecc..


DOMANDA

Quali sgravi possono essere applicati per assunzioni di candidati over 40 che non hanno rapporti di lavoro da oltre 6 mesi?

RISPOSTA:

Per gli over 40 se i lavoratori sono in NASPI si potrebbe parlare di incentivo NASPI all’assunzione – 20% attività residua. Se invece si tratta di donne ubicate in regioni del meridione e che non lavorano da più di 6 mesi si può usare l’incentivo previsto dall’articolo 4 commi 9 e 10 della legge 92/2012 che prevede il 50% del costo contributivo per 12 mesi se si parla di contratto a termine e per 18 mesi per assunzione a tempo indeterminato.

 
      

DOMANDA

-          é possibile applicare l’esonero contributivo under 30 in caso di trasformazione di un contratto a termine part time in un contratto a tempo indeterminato part time e fermo restando i requisiti anagrafici degli under 30 entro il 31/12/2019 ?

-          è possibile assumere un lavoratore con un apprendistato professionalizzante nonostante il Durc non sia regolare ?


RISPOSTA

Risposta positiva in entrambi i casi. Questo perché la contribuzione dell’apprendistato è propria e non un’agevolazione contributiva e quindi il DURC non c’entra nulla. Fermo restando che se l’azienda non è in regola, l’INPS potrebbe richiedere una contribuzione per i rapporti che non sono regolari. 


DOMANDA

La circolare Inps 108 del 14/11/2018 in tema di Apprendistato Over 29 non mi sembra  faccia  più menzione dell’obbligo di inviare la documentazione nel cassetto previdenziale aziende , leI ritiene che sia solo un omissione oppure non vi è più l’obbligo ?

RISPOSTA

A fronte dell’agevolazione quello che viene richiesto è che il rapporto si attivi dopo che il lavoratore abbia fatto richiesta di disoccupazione e che l’INPS abbia approvato tale domanda.


DOMANDA

Per quanto riguarda le assunzioni under 30 e under 35 è necessario il requisito dell’incremento occupazionale netto?

RISPOSTA

No. Ci potrebbe essere solo nel meridione, laddove dove vengano fatte assunzioni incrementali oltre a dove richiesto il "de minimis".

 

DOMANDA

Chiedo se è possibile assumere con apprendistato professionalizzante STAGIONALE, sia in aziende stagionali sia in aziende con picchi stagionali del settore turismo – pubblici esercizi, lavoratori in NASPI.

RISPOSTA

L’assunzione agevolata degli apprendisti OVER 29 è per un’assunzione a tempo indeterminato. L’assunzione a tempo determinato, anche stagionale, è un’eccezione e non è incentivata.


 

DOMANDA

come deve avvenire la formazione per gli apprendisti stagionali?

RISPOSTA

Per il contratto del turismo l’accordo del 2012 prevede la formazione sia degli apprendisti regolari che stagionali; è previsto in relazione alle varie qualifiche un monte ore di formazione.